Storia

L’attività di formazione nell’Istituto Canossiano inizia già con Maddalena di Canossa al fine di abilitare al lavoro le ragazze ed in tal modo fornire loro maggiori possibilità di una vita dignitosa ed indipendente.
Insegnare a “leggere, scrivere e far di conto” era l’indicazione che S. Maddalena aveva dato alle Madri. “Far di conto” nel tempo ha assunto un senso più ampio: imparare un mestiere, abilitarsi al lavoro con attività di vario tipo (cucito, ricamo, dattilografia, ecc).
In tutte le Sedi canossiane sono state quindi avviate, accanto alle attività scolastiche, anche attività formative.
Negli anni ’60, su indicazione della Madre Generale dell’epoca, l’attività di formazione professionale è stata fortemente potenziata in quanto riconosciuta come prioritaria alla luce della missione dell’Istituto. Per permettere l’ampliamento delle attività formative (scuole commerciali di perfezionamento nate dall’evoluzione dei corsi di steno-dattilografia) si è anche provveduto alla chiusura di alcune scuole.
Tutti gli attuali centri di formazione professionale Canossiani si sono sviluppati in quel periodo.
In Lombardia nel 1972, per effetto della Legge Regionale 21, la gestione dei corsi di formazione professionale, prima in capo ai Consorzi Provinciali, viene assunta da enti che assumono la qualifica di centri di formazione professionale. Nascono quindi ufficialmente i Centri Canossiani di Cuggiono, Treviglio (oggi Milano Benaco) e Brescia che iniziano ad operare in forma associata nell’Ente Lombardo Formazione Aggiornamento Professionale (ELFAP).
Nel 1989 i Centri si staccano giuridicamente dall’Istituto e diventano associazioni non riconosciute (con il nome di CFP Canossa Sede di …).
Nel 1997 l’ELFAP viene chiuso ed i Centri si associano ad ENAC Lombardia (con il nome ENAC Lombardia C.F.P. Canossa Sede di …).
Nel 2007, dopo un’attenta riflessione legata al contesto di riferimento del settore e alle difficoltà di operato delle Sedi più piccole, l’Istituto decide di unire, attraverso un’operazione straordinaria di fusione per incorporazione, le quattro associazioni esistenti sul territorio lombardo con un totale di 5 unità organizzative. Il 26/07/07 le assemblee straordinarie delle associazioni deliberano la fusione, a valere dal 01/09/07.
Il nuovo Ente, denominato ENAC LOMBARDIA – C.F.P. CANOSSA, viene quindi trasformato in Fondazione, veste giuridica ritenuta più adeguata al contesto di riferimento. La relativa istanza di riconoscimento presentata alla Regione Lombardia è approvata il 26/03/08.
Viene a questo punto avviato un processo di allineamento, integrazione e sviluppo relativo sia agli aspetti gestionali ed organizzativi che a quelli identitari. La redazione e diffusione del bilancio sociale, avvenuta per la prima volta in relazione all’a.f. 2008/2009, costituisce uno degli elementi di tale processo.
Nel mese di novembre 2009 il Consiglio di Amministrazione della Fondazione approva l’avvio delle attività in una nuova Sede nella città di Como presso il Plesso dell’Istituto Canossiano “Matilde di Canossa”: ottenuto l’accreditamento da parte della Regione Lombardia, la Sede inizia ad operare nell’anno formativo 2010/2011, ha avviato un percorso formativo nell’ambito del secondo ciclo.